I miei piccoli errori, un cono gelato rovesciato a terra
I miei piccoli errori

Scrivo il mio primo post con una lista di alcuni dei miei errori.

Ci sono troppi informazioni nella rete su casi di studio importanti ( Amazon, Zara, Dropbox, etc… ).

Io voglio parlare dei miei banali, piccoli, errori.

Il caso tvstasera.com

tvstasera, il mio primo fallimento...
tvstasera.com

Ho sempre cercato di creare progetti che fossero “fichi” ma quasi sempre si sono rivelati dei fiaschi.

Ricordo ancora il primo fiasco come se fosse ieri.

Lavoravo come analista programmatore front-end e nel tempo libero che mi ricavavo in azienda pensavo a come conquistare il mondo.

Un giorno ho ascoltato un collega che parlava di un servizio Google che mostrava quali ricerche facevano gli utenti nel mondo: Google Trends ( ma all’ epoca non si chiamava così… non ricordo il nome ).

Lo scopo era quello di individuare una parola chiave abbastanza ricercata su Google, comprare un dominio che contenesse quella parola, cercare di indicizzare al meglio il sito e guadagnare con la pubblicità che avrei messo sul mio portale.

Ho passato varie notti ad individuare un dominio libero contenente le stesse parole ricercate.

Alla fine scoprii che gli utenti cercavano la programmazione televisiva serale ( con ben 49000 ricerche mensili ) ed esisteva un dominio libero!

Dicisi di acquistare il dominio ( tvstasera.com ) e dopo aver coinvolto due miei amici nel progetto ( ringrazio ancora Leonardo e Luca per il tempo speso 🙂 ) cominciai a sviluppare il sito web da zero.

Creando tutto il necessario, persino un software di web scraping ( per caricare i contenuti del sito in automatico senza bisogno dell’ intervento umano ).

Dopo mesi di duro lavoro era tutto pronto.

Pensavo sarei diventato ricco… invece guadagnai circa 40€ in due Anni.

Barilla Bravo

Anche in questo caso partenza in settima con la convinzione di avere la chiave per la vittoria.

Scrivo l’ idea, chiamo attori, organizzo le riprese e mi catapulto in una complessa post produzione e video editing ( per chi fosse interessato posso approfondire l’ argomento con estrema gioia ).

Poi alla fine di tutto, il mio spot non è stato apprezzato ( lo so, non è possibile! ).

Eppure avevo rispettato il brief, che errore avevo commesso?

Cosa ho imparato?

Ho imparato che dietro ogni fallimento si nasconde un successo. ( Lo so è una frase fatta ma è così ) ed altre cosine che vi elenco qui sotto:

  • Basare le decisioni sui dati
  • Sapere interpretare i dati
  • Chiedere alle persone, ossia fare sondaggi, A/B test, interviste qualitative e quantitative al fine di verificare l’ effettivo bisogno del tuo consumatore
  • Non reinventare l’ acqua calda, usa risorse che già esistono che possono fare al caso tuo
  • Lavorare per MVP ( Minimum Viable Product, ne parlerò nello specifico in seguito )
  • Capire bene come guadagnare e le possibili insidie
  • Non fare tutto da solo, delegare o chiedere aiuto
  • Essere il primo a credere nel progetto, altrimenti non ti seguirà nessuno
  • Cercare di capire cosa non ha funzionato
  • Non fermarsi alla prima versione del progetto, continuare a modificare e misurare i risultati

Sono consigli banali? Non lo so ma se qualcuno mi avesse detto queste cose nel 2010 sarei partito da un gradino più alto.

Clicca su una stella per votare questo contenuto!

Mi dispiace ...

Puoi dirmi come migliorare?